Rifiuti elettronici - raggiunte 48,5 milioni di tonnellate nel 2018. Il flusso di rifiuti in più rapida crescita rapporto del World Economic Forum.

Rifiuti elettronici – raggiunte 48,5 milioni di tonnellate nel 2018

Nel mondo ogni anno si creano 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici di cui solo il 20% viene riciclato. Lo afferma un rapporto presentato in occasione del World Economic Forum di Davos, secondo cui una gestione corretta potrebbe creare milioni di posti di lavoro. (rapporto del World Economic Forum)

E-waste è ora il flusso di rifiuti in più rapida crescita al mondo. Si stima che questo flusso di rifiuti abbia raggiunto 48,5 milioni di tonnellate nel 2018. Globalmente, la società tratta solo il 20% dei rifiuti elettronici in modo appropriato e ci sono pochi dati su ciò che accade al resto, che per la maggior parte finisce in discarica.

Tuttavia, gli e-waste valgono almeno 62,5 miliardi di dollari all’anno, che è più del prodotto interno lordo (PIL) della maggior parte dei paesi.

L’aumento dei modelli di business dei servizi e una migliore tracciabilità e ritiro dei prodotti potrebbero portare a catene globali di valori circolari.

Se il settore è sostenuto con il giusto mix di politiche e gestito nel modo giusto, potrebbe portare alla creazione di milioni di posti di lavoro in tutto il mondo.

I progettisti, i produttori, gli investitori, i commercianti, i minatori, i produttori di materie prime, i consumatori, i responsabili politici e altri hanno un ruolo cruciale da svolgere nella riduzione degli sprechi, nel mantenimento del valore all’interno del sistema, nell’estensione della vita economica e fisica di un oggetto e la sua capacità di essere riparato, riciclato e riutilizzato.

[fonte: www.weforum.org :  A New Circular Vision for Electronics]